Casa di preghiera " Villa P.Picco" - Arona San Carlo : tel 0322-242479

programma sociale 2016-2017
programma sociale 2016-2017
Statua di Gesù
Statua di Gesù
Statua di Maria
Statua di Maria
cappellina e scala santa
cappellina e scala santa
ingresso della casa di preghiera
ingresso della casa di preghiera
Scorcio della corte di ingresso della casa
Scorcio della corte di ingresso della casa

Casa di preghiera " Villa P.Picco" - Arona San Carlo : tel 0322-242479

 


IL TEMPO FORTE DELL'AVVENTO:
"MARANATHA' ...VIENI SIGNORE!"

 

Cari fratelli e sorelle, ciascuno di noi inizia questo Avvento con pensieri, propositi, intenzioni e desideri differenti. C'é chi é più stanco perché viene da un periodo provato da un lavoro sempre più faticoso o insistente e dall'accumulo di pensieri e tensioni; altri stanno convivendo con malattie non scelte che hanno visitato troppo precocemente la vita dei figli o di qualche famigliare. C'é chi sta vivendo un momento particolare felice della sua esistenza perché si sono aperti spiragli inaspettati, le vicende precedenti si sono sistemate, un periodo di respiro. Su tutti , a tutti, senza differenze, la Parola di Dio, che ancora cerca alloggi, alberghi e grembi accoglienti, scende, domanda, bussa per essere accolta. Ci supplica perché si ripeta il miracolo del Natale. Quello di Cristo, quello dell'uomo. Ci interpella perché, come la Vergine Maria, anche noi, recuperata la verginità di un ascolto, possiamo farle spazio nella vita e lasciare che spezzi le nostre abitudini, rompa i nostri schemi, i nostri punti di vista, i nostri gusti, per abbracciare ciò che Dio desidera e vuole.


Abbiamo bisogno di ascolto tutti quanti, di darci tempo per ascoltare. la Parola di Dio é l'unica che ha il potere di cambiarci, di convertirci, attirandoci a una vita differente da quella che conduciamo. Nell'attesa é già Natale e nello scorrere dei giorni il mistero dell'incarnazione prende piede. Ci sono dei picchetti che la tenda fatto carne chiede di inserire nella nostra vita e nel nostro tempo. Accogliere il Signore significa rinunciare a noi stessi, rinnegarci, per essere discepoli. Abbiamo un po' di giorni, questi, del tempo dell'Avvento, fruttiamoli bene. Facciamo in modo che la frenesia e la vita travolgente che conduciamo non soffochino i vagiti dell'Eterno Figlio di Dio venuto ad abitare in mezzo a noi.

 

Permettiamo che la dolcezza di Maria, il coraggio di Giuseppe, lo stupore dei pastori, la saggezza del vecchio Simeone ci aiutino a vivere in pienezza il mistero Natalizio che rimanda la nostra riflessione e preghiera a una dimensione fondamentale della nostra esistenza: l'attesa! Da credenti noi attendiamo fermamente il ritorno del Salvatore e il suo incontro definitivo con noi. La nostra vita ha un senso se si dirige, con decisione, verso quell'incontro. Diversamente fatiche, dolori, malattie e morti sono solamente occasioni per piangere senza speranza. Al contrario, e l'avvento lo sottolinea delicatamente ogni anno, abbiamo ancora tempo per preparare la strada, cuori, pensieri, decisioni al Cristo che viene. E, quando verrà, ci vorrà riconoscere, quali servi fedeli che hanno trafficato doni e possibilità ricevuti. Con tutta la chiesa eleviamo la nostra invocazione: "Maranathà: Vieni Signore".


Per tutti sia un buon e intenso cammino di Avvento!

 
  
Il cammino continua: desiderio di rinascita....
 

Cari fratelli e sorelle, dopo l'attività estive concluse nel mese di settembre, continua il nostro cammino nella nostra casa di preghiera. In questo tempo, dono di Dio, sentiamo la necessità di essere rinnovati nella potenza dello Spirito Santo, che fa nuove tutte le cose, ma in modo speciale il cuore di ogni uomo che si lascia modellare, plasmare da esso.

Ricordiamo le parole del profeta Ezechiele: "Vi darò un cuore nuovo, metterò dentro di voi uno spirito nuovo..". I discepoli, credevano, ma il loro cuore era pieno di paure, erano chiusi in loro stessi, dopo la morte del loro maestro. I discepoli hanno avuto bisogno di sperimentate l'azione del dono promesso, il dono dello Spirito Santo e da quel momento uscirono da se stessi e con dinamismo annunciarono la speranza nel mondo intero. Ogni cristiano  deve sempre ravvivare il dono che ha ricevuto nei sacramenti del battesimo e della cresima: lo Spirito Santo.  Paolo esorta Timoteo  con queste parole: " Figlio mio, ti ricordo di ravvivare il dono di Dio, che é in te mediante l'imposizione delle mie mani"  A questo proposito ci aiuta a comprendere, questa necessità di essere rinnovati, l'incontro tra Nicodemo e Gesù. Nicodemo un maestro in Israele, un credente, ma gli mancava di fare esperienza concreta della potenza dello Spirito Spirito.... Gesù:"In verità, in verita io ti dico, se uno non nasce da acqua e Spirito, non può entrare nel regno di Dio". Così molte volte ogni cristiano, pur partecipando ad ogni momento della vita cristiana e sapendo tanto di Gesù ha bisogno di rinascere dall'alto, di fare esprerienza concreta di questa potenza dall'alto, come Nicodemo. A tutti l'augurio  un cammino di grazia e attraverso gli incontri in questa casa di preghiera possiamo sperimentare l'azione trasformante di Dio e il dono della "vita nuova".

 

MESE DI DICEMBRE

 

DOMENICA 4 : NON ATTIVITA'

 

SABATO 10 : 16,00 PREGHIERA \ 18,00 SANTA MESSA \ 19,30 CENA

DOMENICA 11: ASSOCIAZIONE VITA NUOVA: APERTA A TUTTI. 16,00 PREGHIERA \ MEDITAZIONE \ 18,00 SANTA MESSA \ 19,30 CENA

 

WEEKEND 17-18: NON ATTIVITA'

 

PROGRAMMI NATALIZI

 

SABATO 24 DICEMBRE: ore 21,30 SANTA MESSA DELLA NATIVITA'

 

DOMENICA 25 DICEMBRE: ore 18,00 SANTA MESSA

 

SABATO 31 DICEMBRE:

 

 ORE 19,00 SANTA MESSA (PREGHIAMO PER LA PACE)

ORE 20,15 CENA: Prenotarsi entro il 26 Dicembre)

ORE 22,00-24,00 ADORAZIONE EUCARISTICA (RINGRAZIAMO IL SIGNORE E MARIA PER L'ANNO TRASCORSO E AFFIDIAMO  A LORO IL NUOVO ANNO 2017)

 

Ogni vostro suggerimento, racconto, testimonianza può essere inoltrata a info@santamontagna.it

A questo indirizzo sarebbe interessante e bello se faceste riferimento anche per condividere ciò che è contenuto nei diversi Link. Ci aiuterebbe ad offrirvi ulteriore nostro contributo. Condividere è un atto sempre di grande carità ed amore che ci rende meno passivi e più collaboratori.